Killer Mountain: 10 le vette più mortali del mondo

Monti hanno sempre sfidato l'uomo gli fece cenno e preso in giro la sua inaccessibilità. E, tragicamente, non tutti coloro che prendono la sfida e andare conquistare la vetta, per poi tornare indietro. Alcuni di loro rimangono prigionieri dei monti per sempre, avvertendolo che seguire le loro orme.

Ogni anno la montagna diventare una causa della morte di decine di persone. Frane e valanghe, tempesta e il vento strappando i vestiti con il corpo - sembra che la natura stessa non vuole che la gente a disturbare i suoi giganti di pietra figli. Ma volendo venire a capo di un altro non diventa più piccolo. E prima di oggi una dozzina di vette mortale, la conquista di che si trasforma in una vera e propria roulette russa.

Killer Mountain: 10 le vette più mortali del mondo

Everest

Località: Nepal, la Cina. Himalaya

Altezza: 8848 m

Everest - un Golgotha ​​moderna. Chiunque è il coraggio e decide di andare avanti respirazione sepolcrale montagna freddo lo sa - la possibilità di tornare indietro e non può cadere. Questo sarà certamente ricorderà i corpi di coloro che non sono scesi. Degli oltre 7000 ha scalato l'Everest ufficialmente creduto morto circa 250 persone. In termini percentuali, questa cifra non è così grande, ma le statistiche non è più calmo e la realtà si trasforma in un incubo quando si sale e si vede i corpi di coloro che credevano anche nella sua invincibilità.

Killer Mountain: 10 le vette più mortali del mondo

Annapurna

Località: Nepal. Himalaya

Altezza: 8091 m

E 'meglio per descrivere la parola Annapurna scalatore americano Ed Vitus' Annapurna è una pericolo continuo, completamente coperto di ghiaccio. Un grosso pezzo di ghiaccio dalla formazione di ghiaccio su di esso. E la domanda è: in quale direzione si trasformerà la prossima build-up, in avanti o indietro ". Annapurna è considerata una delle montagne più pericolose. Circa il 40% di alpinisti che cercano di conquistarlo e rimanere sulle sue pendici.

Killer Mountain: 10 le vette più mortali del mondo

Blanc

Località: Francia, Italia. Alpi

Altezza: 4695 m

Monte Bianco, o White Mountain - il massiccio più alto della catena montuosa e la vetta più alta d'Europa. Tra gli scalatori del Monte Bianco non è considerato particolarmente pericoloso a salire, ma per qualche ironia sinistro rompe record sulla mortalità. Nel corso della storia dell'arrampicata, con più di due secoli, alle pendici del Monte Bianco ha preso la vita di diverse migliaia di scalatori - una figura alla quale, anche lontano dalla Everest.

Killer Mountain: 10 le vette più mortali del mondo

Nanga Parbat

Località: Pakistan. Himalaya

Altezza: 8126 m

Prima di Everest ha guadagnato la sua popolarità tra gli alpinisti, Nanga Parbat si tiene il primato nel numero di incidenti mortali sulle sue pendici scalatori. Per cui ha ricevuto il soprannome di Killer Mountain. Nel 1953, cercando di arrivare alla sua cima, uccidendo 62 persone alla volta. Da allora, a quanto pare, la montagna a soddisfare la loro sete di sangue. La mortalità è diminuita in modo significativo oggi - fino a 5, 5%.

Killer Mountain: 10 le vette più mortali del mondo

Kanchenjonga

Località: Nepal, India. Himalaya

Altezza: 8586 m

Questa è la terza montagna più alta del mondo. Kanchenjunga è l'incubo di uno scalatore, perché qui tutto il tempo regna tempo inclemente, e di tanto in tanto rompere la valanga. Solo 190 uomini coraggiosi sono riusciti a salire fino alla cima del Kangchenjunga, e il tasso di mortalità tra gli arrampicatori qui raggiunge il 22%.

Killer Mountain: 10 le vette più mortali del mondo

K2,

Località: Pakistan, la Cina. Himalaya

Altezza: 8614 m

Monte K2 o Chogori fornisce le condizioni più estreme per l'arrampicata. Questa montagna è senza pietà, e non perdona gli errori - ogni quarta cercando di salire al suo top climber muore. In arrampicata invernale e non sembrava possibile. Il suo contributo alla storia di arrampicata K2 hanno i nostri connazionali. 21 agosto 2007 alpinisti russi sono riusciti a passare attraverso il percorso più difficile sul conteggio a quel momento versante occidentale impraticabili del vertice.

Killer Mountain: 10 le vette più mortali del mondo

Eygar

Località: Svizzera, Alpi

Altezza: 3970 m

Eygar considerata una delle vette più letale al mondo, nonostante la sua piccola altezza. Spesso si parla di "mangiatore". Grandi sfide per gli alpinisti si trasforma cambi di pendenza incredibilmente grandi e meteo in continua evoluzione. Per mezzo secolo di Pinnacle arrampicata sostenuto 65 vite.

Killer Mountain: 10 le vette più mortali del mondo

Fitzroy

Localizzazione: Argentina, Cile. Patagonia

Altezza: 3 359 m

Questo maestoso picco di granito è allo stesso tempo la più visitati, e una delle montagne più pericolose. Nel corso dell'anno, la media sta succedendo qui è solo una salita di successo. Prima di scalatore del valore di due problemi: in primo luogo, per arrivare in cima è necessario superare una ripida sezione di roccia alta 600 metri, e in secondo luogo, tempo inclemente, che può essere conservato per settimane in generale, può combattere il desiderio di scalare le rocce. Inoltre, per ottenere su Fitzroy è possibile solo nel periodo da dicembre a febbraio - l'estate nell'emisfero meridionale.

Killer Mountain: 10 le vette più mortali del mondo

Un array Vinson

Località: Antartide

Altezza: 4892 m

Le montagne più alte in Antartide non sono considerati nell'ambiente alpinistico troppo difficile da scalare. Dal 1958, i loro picchi è aumentato di circa un anno e mezzo migliaio di persone. Il più difficile - è quello di ottenere alla matrice. L'Antartide è il posto giusto per i pinguini, ma la gente congelare a morte o perire in una tempesta di neve è semplice.

Killer Mountain: 10 le vette più mortali del mondo

Matterhorn

Località: Svizzera, Italia. Alpi

Altezza: 4478 m

Uno dei più difficili da conquistare le vette delle Alpi - il suo versante settentrionale è generalmente considerato non penale e tecnicamente il più difficile da conquistare. Non facilitare l'ascesa di valanghe frequenti e cadute di massi. Tuttavia, nel 1865, ha conquistato la vetta del Cervino destra due volte. Tuttavia, il primo gruppo di quattro persone caduto nell'abisso a causa di rottura del cavo.