Milionario svizzero accusato di razzismo per aver rifiutato di accettare i migranti

• milionario svizzero accusato di razzismo per aver rifiutato di accettare i migranti

In situato a 16 chilometri da Zurigo, il villaggio svizzero di Oberwil-Liela come se dipinta su una cartolina colorata, ospita più di 2000 persone, 300 dei quali sono milionari. Il governo svizzero ha insistito sul fatto che i 26 cantoni per ospitare i migranti ad una quota speciale - solo circa 50.000 persone in tutto il paese.

Ma estremamente ricco svizzero di Oberwil-Liela maggio 2016 ha organizzato un referendum in cui gli abitanti del villaggio hanno votato di non ospitare i migranti. Invece, hanno accettato di pagare 262.000 euro. La decisione è stata presa a causa delle preoccupazioni delle donne locali circa il fatto che, nel caso di alloggio migrante nel paese potrebbe ripetersi episodi di violenza sessuale, come quello che è successo a Colonia, Capodanno, e in effetti sarà rovinare il modo abituale di vita. passioni Tuttavia, questo passaggio ha esacerbato: alcuni abitanti del villaggio hanno detto che sono estremamente confusi e chiamato il referendum "un razzista". Le persone più ricche di Oberwil-Liela anche offerto di pagare di persona inflitta dalle autorità svizzere per il rifiuto di accogliere i rifugiati.

Milionario svizzero accusato di razzismo per aver rifiutato di accettare i migranti Milionario svizzero accusato di razzismo per aver rifiutato di accettare i migranti

Immagine villaggio di Oberwil-Liela, circondata da verdi pascoli con sorprendente fantasia montagne innevate in lontananza, si potrebbe decorare una scatola di cioccolatini. chalet in stile alpino, casa moderna con grandi finestre panoramiche rendono il più antico dei più interessanti - e più costoso - più di vita in Svizzera.

Milionario svizzero accusato di razzismo per aver rifiutato di accettare i migranti

Ci innocentemente pulito, i giardini sono bellissimi e perfettamente curati, e nonostante il fatto che fino a una delle più grandi città della Svizzera, Zurigo, a sole 10 miglia, molto poco movimento.

Milionario svizzero accusato di razzismo per aver rifiutato di accettare i migranti

Aggiungere il tasso di criminalità estremamente basso, e capirete perché il valore delle case a Oberwil-Liela inizia con 1, 3 milioni di euro.

Milionario svizzero accusato di razzismo per aver rifiutato di accettare i migranti

In generale, non è sorprendente che i residenti di questo villaggio idilliaco hanno votato contro, a stabilirsi a migranti.

Milionario svizzero accusato di razzismo per aver rifiutato di accettare i migranti

maggio 1 residenti ha tenuto un referendum sulla questione della sistemazione dei rifugiati - la prima volta in Europa. Ciò ha portato alla divisione dell'opinione pubblica e la verifica di molti legami amichevoli di forza: molte organizzazioni per i diritti umani, come Human Rights Watch, erano semplicemente stordito e ha chiamato i risultati del voto sono razzisti.

Milionario svizzero accusato di razzismo per aver rifiutato di accettare i migranti

Anche se la Svizzera non fa parte dell'Unione Europea, il suo governo ha deciso di partecipare al reinsediamento delle famiglie dei migranti in fuga da guerre e caos nei loro paesi. In precedenza, la Svizzera ha annunciato che ci sarebbe voluto circa 3.000 siriani.

Milionario svizzero accusato di razzismo per aver rifiutato di accettare i migranti

I fattori importanti che hanno influenzato i risultati del voto, sono diventati importanti episodi di attacco alle donne migranti che ha avuto luogo a Colonia e altre città tedesche nella vigilia di Capodanno.

Milionario svizzero accusato di razzismo per aver rifiutato di accettare i migranti

In un'intervista con posta on-line il sindaco Oberwil-Liela Mr. Fritz Glarner ha detto che non ha considerato rifiuto di accettare i migranti nel villaggio di razzismo.

Milionario svizzero accusato di razzismo per aver rifiutato di accettare i migranti

Tuttavia, non tutti i cittadini sono d'accordo con lui e con i risultati del referendum. Patricia, la madre di due bambini, confusi e delusi da questo, come dice lei, "razzismo".