Postapokaliptika oggi: la storia della città, che è diventato un fantasma

• Postapokaliptika oggi: la storia della città, che è diventato un fantasma

A proposito di città fantasma fanno i film, ma possono essere visti oggi nella vita reale. Lo spettacolo, devo dire, strisciante, ma i fan Postapokaliptika potrebbe piacere. Benvenuti a Eagle Mountain - città in cui non molto tempo fa era molto vivace.

Eagle Mountain è una delle città fantasma meglio conservati d'America, principalmente a causa del fatto che questo è uno dei più nuovi insediamenti abbandonati. La città è stata fondata nel 1948 nei pressi del Parco Nazionale di Joshua Tree nella Contea di Riverside, in California.

Postapokaliptika oggi: la storia della città, che è diventato un fantasma Postapokaliptika oggi: la storia della città, che è diventato un fantasma

Ha fondato la città di Henry J. Kaiser, che è considerato il padre della moderna cantieristica navale americana. Eppure, nonostante il sostegno di un tale ricco industriale, la città era una storia molto triste. Drew Henry Kaiser è un luogo che accanto ad essa sono stati molto ricca di giacimenti di ferro. A causa di questo, durante la seconda guerra mondiale, quando il paese aveva bisogno di ferro in grandi quantità, la popolazione della città è aumentato a più di 4.000 persone.

Postapokaliptika oggi: la storia della città, che è diventato un fantasma

La città era ampi viali, campi da tennis, diverse scuole, chiese, una grande sala per spettacoli, parco, centro commerciale, piscina e campo da bocce. Tuttavia, nel 1970, le risorse sono state esaurite, e le questioni ambientali hanno rallentato la produzione di minerale fino a livelli non remunerativi. Nel 1981, dopo 35 anni di produzione di ferro, Kaiser Corporation ha annunciato le operazioni di disattivazione completa della città.

Postapokaliptika oggi: la storia della città, che è diventato un fantasma

L'ultima scuola a Eagle Mountain è stata chiusa nel 1983 e poi a sinistra nella città sono molto poche le persone che hanno deciso di continuare a cercare di sopravvivere nel deserto. Pochi anni dopo, nel bel mezzo del centro commerciale della città, è stato trasformato in una prigione, che ha lavorato per un totale di 5 anni, dopo di che, a causa di problemi di bilancio e la ribellione tra i prigionieri è stato chiuso per sempre.

Postapokaliptika oggi: la storia della città, che è diventato un fantasma

Al fine di preservare almeno un po 'di lavoro in città, è stato anche proposto di trasformare la vecchia miniera in una discarica gigantesca, che avrebbe rifiuti sono stati portati da tutta la contea, ma questa idea non è stata sostenuta. Di conseguenza, le ultime persone hanno lasciato la città.

Nel 2007, il perimetro di entrambe le città e le miniere sono state recintata da filo spinato e chiuso al pubblico. Il modo più semplice per vedere l'Eagle Mountain è Google oggi.

Postapokaliptika oggi: la storia della città, che è diventato un fantasma

Per ironia della sorte, l'unico interesse per l'Eagle Mountain di recente ha mostrato ... Hollywood. Questo sito è stato utilizzato per catturare le scene individuali in diversi film. Universal Studios usato la città di fare un film in 3D di un film parco a tema "Terminator 2 - Il giorno del giudizio". Anche nella ex città sono state girate le scene apocalittiche per "The Island" (2005) e "La battaglia di Los Angeles" (2011).

Postapokaliptika oggi: la storia della città, che è diventato un fantasma

Se qualcuno vuole vedere le quinte di questo Postapokaliptika, è molto più facile ottenere in Desert Center, che si trova a 20 chilometri a sud di Eagle Mountain. Questo è uno dei loro insediamenti minerari suburbani che sono stati abbandonati dopo le soluzioni Kaiser. Merita una visita anche il vicino ex centro di formazione Desert Warfare, che è stato utilizzato per i soldati di formazione, anche il generale Patton e US Army.

Postapokaliptika oggi: la storia della città, che è diventato un fantasma

La maggior parte dei campeggi che sono aperti ai visitatori di oggi, è stato a lungo coperto con erba. Ma è facile vedere gli abbandonati strade, marciapiedi, fondamenta di edifici e monumenti, così come la recinzione con segnali di allarme che avvertono della presenza di ordigni inesplosi.