Per il pugile giapponese trascorso 46 anni in carcere

• Per il pugile giapponese 46 anni trascorsi in prigione

Per il pugile giapponese trascorso 46 anni in carcere

Quasi cinquant'anni boxer professionista tenuta nella camera, in attesa di esecuzione. In passato, atleta di successo con grandi prospettive, fu accusato dell'omicidio del suo capo, la moglie ei due figli. Il destino ha giocato con il giapponese Iwao Hakamada crudele scherzo, nel pieno della privarlo delle sue speranze per il futuro.

L'omicidio, che ha accusato Chakamada è stato commesso 30 giugno 1966. La vittima era il capo di una grande impresa, che ha prodotto pasta di fagioli. E 'stato trovato morto nella sua casa. Inoltre hanno trovato i corpi della moglie e dei due figli di un uomo d'affari. Dopo l'autore strage dato fuoco alla casa e fuggì. I sospetti caddero sul funzionamento della stessa azienda Iwao Hakamada. Presso lo stabilimento trovato una camicia macchiata di sangue. Era nascosto in una vasca con gli ingredienti per la produzione di pasta e Chakamada potrebbe appartenere secondo gli inquirenti. Il processo è andato avanti per circa due anni.

Nel mese di settembre 1968, il tribunale distrettuale di Shizuoka ha emesso il suo verdetto. Hakamada è stato condannato a morte, praticata solo in modo Giappone - per impiccagione. Oltre la camicia insanguinata, l'argomento principale è stato il riconoscimento di Iwao. Come stabilito nel nostro tempo, al fine di ottenere questo riconoscimento, i giapponesi torturati.

La stampa giapponese, molto scritto su questo caso, con conseguente nelle parole di Chakamada, che ha parlato a parenti e avvocati dettagli scioccanti. Il suo interrogatorio è durato 23 giorni consecutivi. Per tutto questo tempo è stato picchiato, non è stato permesso di bere, non portato fuori in bagno, nel tentativo di spezzare la volontà e costretto a firmare il protocollo, in base al quale Chakamada si dichiara colpevole di omicidio di quattro persone. Di conseguenza, ha firmato. La corte era implacabile e nominato atleta pena capitale. Quasi 30 anni Condannato cercando di costringere le autorità a riconsiderare il suo caso. Riuscì nel 1980. Ma la revisione del Giappone Corte Suprema non ha portato i risultati sperati. la legittimità del giudizio precedente è stata confermata.

"Tre anni dopo, Hakamada scrisse a suo figlio:" Io dimostrare a voi che tuo padre non ha ucciso la polizia qualcuno sa meglio di chiunque, ed i giudici, che hanno portato il caso, anche, io spezzare questa catena di ferro e tornerò a voi "- ha detto" .. il Giappone Daily Press". Oltre ai bambini, condannati al di fuori di attesa per la sorella maggiore Hideki Chakamada, che ha anche fatto ogni sforzo per ottenere la sua liberazione. Ha costretto tre avvocati di impugnare la decisione.

Per tutto il tempo, il fratello continuava nel braccio della morte in completo isolamento. Iwao Hakamada capito che ogni giorno della sua vita potrebbe essere l'ultima. Da un momento all'altro la porta si sarebbe aperta, e sotto scorta è in grado di fornire alla stanza dove il soffitto pende una corda. In questo stato, ha trascorso 46 anni. Quasi una trentina di loro, fu in grado di resistere, ma poi la sua mente ha cominciato a lasciare il prigioniero. E 'diventato incoerente, ha iniziato a rifiutare le visite dalla sua famiglia.

Dopo il verdetto passò 44 anni, quando sua sorella, Hideki era in grado di raggiungere lo scopo di test del DNA. E 'stato trovato che il sangue sulla maglietta stessa non appartiene alla Iwao, e un'altra persona. Si è deciso di riesaminare la questione. La procedura è durata circa due anni, fino al marzo 2014. Hakamada stato in grado di uscire di prigione. Dopo il verdetto passò 44 anni, quando sua sorella, Hideki era in grado di raggiungere lo scopo di test del DNA. E 'stato trovato che il sangue sulla maglietta stessa non appartiene alla Iwao, e un'altra persona. Si è deciso di riesaminare la questione. La procedura è durata circa due anni, fino al marzo 2014. Hakamada stato in grado di uscire di prigione.

Il suo caso fatta nel Guinness dei primati. Hakamada è stato riconosciuto come un uomo che è arrivato nel tempo più lungo nel braccio della morte. Questa triste esperienza influenzato lo stato dei giapponesi, ormai diventato un uomo molto vecchio. Curvo, con il viso gonfio, senza espressione, Chakamada non sembrava euforico per il suo rilascio. Quando apparve prima di giornalisti, gli è stato chiesto cosa vuole mangiare. Iwao rimase in silenzio, con gli occhi bassi, ma alla fine ha detto: "Voglio una birra e torta."

Per molto tempo dopo il suo rilascio, ex detenuti nel braccio della morte non poteva sorridere. Le emozioni non sembrava a sua disposizione. Tuttavia, le preoccupazioni di sua sorella, a poco a poco ha cominciato a tornare alla normalità. Ora il 82-year-old Iwao Hakamada vita di un normale pensionato giapponese vivente.