Missione segreta Pietro I in Africa

• missione segreta Pietro I in Africa

Due anni e 3.000 rubli d'oro sono stati spesi per la preparazione di segreto missione I. di Peter E tuttavia, al fine di rendere il potere coloniale russa. L'imperatore era convinto - per formalizzare il protettorato di "Madagascar Unito", è necessario solo poche navi da guerra ...

Missione segreta Pietro I in Africa Missione segreta Pietro I in Africa

Ritratto dello zar Pietro I. Gustav von Mardefeld 1707.

Durante l'Age of Discovery "giocatori" più attivi sono stati la Spagna e il Portogallo. Nei secoli XV-XVI, i due principali potenze marittime esplorato la maggior parte della Terra e anche giuridicamente diviso il mondo in due. Nel XVII secolo sulla scena marittima mondiale è venuto in Inghilterra, Francia, Olanda, che vogliono anche di afferrare un pezzo della torta. Inizia così la lotta delle potenze europee per il sequestro di colonie in Africa, Asia, America, l'Oceano Pacifico.

Missione segreta Pietro I in Africa

Pietro I nei cantieri Est società indiana, Amsterdam. MVDobuzhinsky.

In Russia, nessuno pensava alla volta di terre lontane, ma la situazione è cambiata con l'avvento di Pietro I. Il famoso re riformatore risolutamente preso i progetti più ambiziosi, se potessero, a suo avviso, essere utile. Uno di questi piani avventurosi con Peter condivisi da vice ammiraglio Daniel Jacob Wilster. Nato Dane, Wilster ha dovuto lasciare la flotta del paese e trasferirsi in Svezia. Ma anche lì lui non rimase a lungo, nel 1721 si stabilì a San Pietroburgo, e ha preso una posizione amministrativa.

Missione segreta Pietro I in Africa

Mappa del mondo del XVII secolo, con la rotta prevista della spedizione in Madagascar.

Wilster ispirato Peter che la Russia ha bisogno di sue colonie in Africa, da cui si può estrarre profitto considerevole. È stato suggerito che un luogo specifico - Madagascar. Con il tempo diverso da quello degli indigeni viveva pirati, che hanno fondato un insediamento per la ricreazione e la riparazione di navi. Per fare un protettorato sul "Regno di Madagascar", abbiamo avuto solo un paio di navi da guerra.

E 'interessante che la Svezia anche forgiato legami con l'ostruzionismo, che ha cercato di legalizzare il loro status e fissare la terra formalmente occupati. Ma gli scandinavi non banali hanno abbastanza soldi. Uno dei leader della spedizione fallita era solo Wilster.

Missione segreta Pietro I in Africa

La copia corrente della fregata a vela russo "Standart"

Missione segreta Pietro I in Africa

Peter I - il re e riformatore della Russia. NF Dorovolsky.

E 'iniziato i preparativi per la campagna, che ha immediatamente classificato. I piani del re conosceva solo la persona più affidabile. Collegio degli Affari Esteri e l'Ammiragliato, "piena di stranieri", non sono stati informati. strategia di viaggiare lavorato presso l'Ufficio del generale-ammiraglio Fedor Apraksin. Ma la destinazione esatta non sapeva nemmeno esso.

Le assegnati dal tesoro 3.000 rubli equipaggiati di due 32-gun fregata degli olandesi costruiti "Amsterdam-Galei" e "Dekrondelivde". Le navi della chiglia, assicella e lana. 12 dicembre 1723 sotto la bandiera di Wilster fregata lasciato Kronstadt per un lungo viaggio. Appena una settimana durante una tempesta la nave ammiraglia è stata gravemente danneggiata e la squadra è andato verso l'isola Nargen (moderna Estonia). Dicembre 31 Marzo continuato, ma l'8 gennaio presso la "Amsterdam-Galei" ha aperto di nuovo a fluire. La spedizione ha dovuto essere interrotta, le navi tornato a Reval (l'odierna Tallinn).

Missione segreta Pietro I in Africa

Il trionfo della flotta russa. VI Nesterenko.

Missione segreta Pietro I in Africa

Madagascar mappa. Samuel Thornton, 1702-1707 gg.

I preparativi hanno iniziato per la seconda spedizione, ma ulteriori tentativi di "conquistare Madagascar" fermato dopo la morte di Pietro. I suoi eredi sono state prestando più attenzione alla terra più vicina: la Persia, l'Asia Centrale e il Caucaso. Fu così che una forte tempesta nel Mar Baltico dura prevenire la Russia per ottenere il loro colonie in Africa.