Shocking diritto di famiglia a Roma Antica

• shock diritto di famiglia nell'antica Roma

Roma antica era diversa altamente conservati all'interno della famiglia e grande rigore al luogo di donne e bambini in famiglia. Eppure i romani adoravano le regole e le leggi, di ricevere e registrare in grandi quantità. E alcuni dei tradizionali e la legge ufficiale della famiglia Romani possono scioccare l'uomo moderno.

Shocking diritto di famiglia a Roma Antica

Il capo della famiglia romana era chiamato Pater familias, il rappresentante più anziano della famiglia maschile. Solo il padre di famiglia è stato permesso di possedere la terra, e per rappresentare la famiglia in tribunale e le transazioni economiche. Anche un uomo adulto di quarant'anni è stato privato di questi diritti, mentre era in vita, suo padre.

Ogni bambino nato nella famiglia diventa un nuovo membro della famiglia solo dopo che l'uomo anziano lo riconobbe. Per tradizione, il bambino è stato collocato vicino alla famiglia dei piedi di suo padre. Se ha preso il bambino in braccio, ha un figlio, figlia, nipote o nipote. bambino non riconosciuto non è considerato un cittadino romano, anche se non è gettato a morire.

Inoltre, per lungo tempo i padri hanno il diritto di vendere i loro figli e li uccidono. Anche la madre del bambino non ha avuto il diritto poi di chiedere vendetta. Il bambino - di proprietà di uomini, punto. vendita temporanea in schiavitù e omicidio, tra l'altro, regolare il numero di bambini in famiglia - anche nell'antica Roma sapeva che i meno figli è più facile da sfamare. Solo la contraccezione non è utilizzato. Perché, se è facile sbarazzarsi del bambino dopo la nascita?

Ma per l'omicidio di suo padre ha fatto valere una delle esecuzioni più crudeli. Parricidio stato bendato, preso fuori della città, spogliato e picchiato a morte con bastoni. Dopo di che, abbiamo inchiodato in una botte con un serpente, un cane, una scimmia e un gallo e gettato in mare. animali impazziti attaccati l'un l'altro, e un uomo, lo incitava fino alla morte.

Shocking diritto di famiglia a Roma Antica

Il padre aveva anche il diritto di uccidere qualsiasi uomo che ha catturato durante i rapporti sessuali con la figlia non sposata. Anche se la mia figlia era trent'anni e lei aveva l'amore. Se il padre ha ucciso la figlia del suo amante, poi ha dovuto uccidere sua figlia.

Non possiamo dire che la legge non protegge i bambini dalla tirannia dei padri. In primo luogo, le leggi di Ottaviano Augusto proibirono l'uccisione di bambini (è già nell'ultimo paio di anni aC). In secondo luogo, il padre aveva il diritto di vendere la schiavitù dei bambini temporaneo non è più di tre volte. Dopo la terza volta che è stato privato della potestà genitoriale a quel bambino, perché non esistono due vendite sono considerate abusi. Così padre intraprendente ha venduto i bambini a turno.

Figli riconosciuti sono contrassegnati con una speciale amuleti cittadino romano: i ragazzi e le ragazze bullae lunula. Questo era necessario per garantire che ogni passante potrebbe facilmente capire che cosa i bambini possono essere picchiati e violentati, e per qualsiasi Sue. E poi non si sa mai, andato, razvloksya, e si trascina in tribunale o ucciso sul posto. Sgradevole.

Shocking diritto di famiglia a Roma Antica

Riproduzione di bambini. bassorilievo

L'età del matrimonio per i romani è iniziata con 12 anni per le ragazze e 14 - per i ragazzi. Per sposare il ragazzo, però, non è destinato a diventare un cittadino pieno. Con questo ha dovuto aspettare fino a 25 anni, e se ricordiamo i diritti dei padri di famiglia, e l'ancora più a lungo.

Al matrimonio, invece di baciare giovane mani scosse. In primo luogo, l'offerta è stata considerata un segno di debolezza per un uomo, e non dovrebbe avere da mostrare. In secondo luogo, il matrimonio non era affatto associato con amore, è stato un affare di due famiglie. Quindi, agitando le mani sembravano molto logico. Gli europei ancora lo fanno a conclusione della transazione. Naturalmente, il matrimonio è ufficialmente una stretta di mano era un segno della unità di cuore, ma vale la pena ricordare che spesso la prima volta che la coppia aveva visti al matrimonio - ciò che è veramente lì unione. Mentre leggi tradizionali schiavizzati con forza le donne, le mogli ancora finalmente imparato a evitarli. Ad esempio, per diventare la proprietà della cosa romana, doveva possedere almeno un anno. Le donne che non volevano diventare di proprietà degli uomini dovevano correre ogni anno e si nascondono dal marito tre giorni. Beh, sì, le donne erano una cosa. Perché la legge a loro e agito.

Nei tempi più tradizionali donna sposata era soggetto alla morte, se qualcuno l'aveva vista ubriaca.

Shocking diritto di famiglia a Roma Antica

John William Godward. matrona romana. Peacock - un uccello preferito di Giunone, protettrice delle donne sposate romani

Nel corso del tempo, le leggi di Roma ammorbidito, la scienza e la filosofia si sono evoluti e sono andato avanti, e l'innamoramento non sembrano qualcosa di strano e uomini indegni. Inoltre, è molto più libero con la vita sessuale (gli uomini in esso, tuttavia, fin dall'inizio un po 'limitato). Uno degli Imperatori, Ottaviano Augusto, ancora non piace, e ha pubblicato una serie di leggi, al fine di rafforzare le famiglie e ripristinare la morale tradizionale.

Ad esempio, l'imperatore interrotto la pratica della frode di sesso maschile quando qualche mascalzone sposato una donna che stava prendendo la sua dote, goduto con lei nel letto, e due anni più tardi con il falso pretesto di dare il divorzio (sfida che i suoi diritti non erano) e tornare una donna a suo padre, lasciando affatto che portò con sé dopo il matrimonio. L'imperatore ha stabilito una legge secondo la quale in caso di divorzio, la dote è stato restituito alla casa di famiglia con una donna. Tuttavia, non è interessato a proteggere le mogli, e gli interessi economici della pasta.

Ha anche fatto un matrimonio giuridicamente vincolante per tutti gli uomini sotto 60 e le donne sotto i 50 anni di classi senatori e cavalieri. Gli uomini sono quindi vietati a sposare le figlie di liberti nel nome della purezza del sangue élite romana. diritti scapoli limitati, ad esempio, fu loro vietato di ricevere ereditato tutta la proprietà. Sposato, ma non riconosciuto dai bambini hanno ricevuto solo la metà del denaro lasciato in eredità a loro. Tuttavia, gli scapoli non erano considerati uomini Promessi Sposi, tanti romani fittiziamente, per un tempo fidanzata con immaturi ragazze continuano "in attesa di" la sua età. Per legge, l'impegno è stato ritenuto valido esattamente due anni; Due anni più tardi strappato uno e l'altro dichiarato.

Shocking diritto di famiglia a Roma Antica

La scultura di agosto Octaviana

Ottaviano Augusto molto eccitato basso tasso di natalità. Egli è obbligato ad avere figli ogni romano libera sotto la minaccia della pena. Va notato che in quel momento, l'imperatore ha iniziato la lotta per la procreazione, infatti, Roma era, è affollata. Tuttavia, una delle sue leggi a favore della nascita di bambini hanno lavorato sulla liberazione delle donne dal potere del marito è diventata un libero cittadino, dare alla luce un terzo figlio.

Per incoraggiare il matrimonio, Augusto ha permesso ragazzi e le ragazze a cercare una risoluzione del magistrato se i loro padri erano contro il matrimonio. In generale, devo dire, nell'antica Roma, ci sono stati diversi tipi di matrimonio sono regolate da leggi diverse: cum manu (trasferimento della piena autorità sulla donna da guardiano al marito), manu sine (potere su di una donna sposata rimaste dietro tutore) e il concubinato (coabitazione effettiva nel matrimonio senza matrimonio). Cum manu matrimonio potrebbe avvenire attraverso i riti tradizionali o attraverso l'acquisto della sposa. Quest'ultima forma è molto popolare tra la gente comune.

Solo nel V secolo aC sono stati resi possibili i matrimoni tra nobili (patrizi) e la gente comune (plebei). Se questa era la moglie patrizia (questo è stato possibile solo con la ricchezza della sposa), lei è ancora considerato essere di proprietà di suo padre. al posto del marito. In generale, per un lungo tempo i padri contro la loro volontà potrebbero aumentare figlie ei loro mariti. Solo nel secondo secolo aC, ci fu un divieto di tale manifestazione dell'autorità paterna, tranne nei casi in cui il matrimonio fallisce e il padre salvando così la figlia.

Qualche tempo liberato per volontà di uno schiavo, divenne la moglie del suo ex padrone, vorrebbe un romano, di chiedere il divorzio, ma Augusto liberta privato di questo diritto. E tra l'altro, gli schiavi. Schiavi è diventato possibile a tutti di sposare ufficialmente. Ma anche sotto Augusto non poteva sposare e riconoscere i bambini dai soldati romani. La famiglia credeva a Roma, priva l'uomo di spirito combattivo. Intorno a questo divieto e la leggenda è nata a San Valentino come un matrimonio per i soldati colpiti con le loro ragazze preferite.