La storia dei nani ebrei che sono sopravvissuti gli esperimenti ad Auschwitz

La storia della famiglia ebraica artistico di musicisti-nani dalla Romania che sono sopravvissuti di Auschwitz e gli esperimenti mostruosi del dottor Mengele.

Tra i molti prigionieri di Auschwitz, che 27 gennaio 1945 ha incontrato i soldati sovietici è stato anche una famiglia ebrea Ovitz. Sette fratelli e sorelle venuti dalla città rumena di Roswell vivevano in un campo di lavoro per quasi un anno. Tuttavia, non è importante, ma il fatto che la famiglia composta da persone minuscole e normale crescita delle persone e durante la conclusione del Ovitz indagato Mengele.

La storia dei nani ebrei che sono sopravvissuti gli esperimenti ad Auschwitz

Fondo

famiglia Ovitz era originaria di Romania. Padre di nome Sansone era un nano, che, tuttavia, non gli impedì due volte per essere sposato con una donna alta. Da loro è nato, e dieci figli, sette dei quali erano lillipuziani, e altri tre - no.

Samson è morto nel 1923, quando la figlia più giovane, Perla, non era ancora due anni. La sua seconda moglie Batya lasciato a crescere i figli da sola. Sapeva che i bambini nani hanno difficoltà nella vita, e quindi deciso fin dalla tenera età per insegnare loro la musica, in modo che possano poi fare una vita.

bambini Ovitz erano molto talento, e ben presto erano organizzati insieme la famiglia, ci sono stati chitarra e violino, violoncello, percussioni e altri strumenti. I concerti della famiglia hanno partecipato non solo i bambini, nani, ma anche tutta la grande famiglia.

Morire, Batya lasciò in eredità i bambini bastone sempre insieme, e in nessun caso non si arrendono. Eppure Ovitz erano sempre insieme. Uccisi solo uno dei fratelli, i quali, tra l'altro, ha lasciato il resto.

La storia dei nani ebrei che sono sopravvissuti gli esperimenti ad Auschwitz

famiglia Ovitz ha girato con successo la Romania, l'Ungheria e la Cecoslovacchia nel 1930-40-zioni. squadre Lilliput a prima della guerra l'Europa un successo. Ovitz nei primi anni 1930 ha cominciato ad agire gruppo musicale, definendolo "una compagnia di nani." Utilizzando gli strumenti di dimensioni ridotte, hanno giocato nei 30-40-zioni in Romania, Ungheria e Cecoslovacchia e divenne pop star.

Ovitz ha cantato in yiddish, ungherese, rumeno, russo e tedesco. Tra i tour hanno vissuto con le loro mogli tutto in una casa, la madre portando il mandato non essere separata: ogni volta che qualcuno si è sposato o sposarsi, il marito ha cominciato a vivere con loro, aiutando la troupe. Che ha sposato midget vietava ai medici di dare alla luce, ma uno dei nani ha avuto una figlia, senza deviazioni: una malattia genetica Shimshon non è stata approvata. La famiglia aveva una macchina, il primo nella contea.

La storia dei nani ebrei che sono sopravvissuti gli esperimenti ad Auschwitz

Quando, nel settembre 1940, Transilvania settentrionale fu ceduta all'Ungheria (alleato della Germania nazista), sul proprio territorio per entrare in vigore le nuove leggi razziali: gli ebrei era proibito di parlare ai Gentili. Ma Ovitz è stato in grado di ottenere i documenti, che non sono menzionati i loro origini ebraiche, e così hanno continuato a fare concerti fino al 1944. Allo stesso tempo, continuano a osservare il sabato, che colpisce i pazienti, per non essere effettuata nel giorno del concerto, se necessario.

Nel 1944, l'Ungheria fu occupata dalle truppe tedesche; Allo stesso tempo, Ovitz non è più in grado di nascondere la loro origine, e sono stati costretti ad indossare stelle gialle corazze. 15 aprile tedeschi raccolto le loro tra gli altri residenti ebrei nella sinagoga per un ulteriore trasporto al campo. Ci hanno visto un ufficiale tedesco, li portarono a casa, e la sera successiva costretti a intrattenere i loro colleghi. Non è stato fino al 15 maggio, quando tutti i dodici membri della famiglia sono stati inviati ad Auschwitz.

La storia dei nani ebrei che sono sopravvissuti gli esperimenti ad Auschwitz

Le sorelle Pearl ed Elizabeth Ovitz

Auschwitz e gli esperimenti Dr. Death

Al suo arrivo ad Auschwitz (Auschwitz) Ovitz già sulla piattaforma attirato l'attenzione dei lavoratori del campo, quando Miki Ovitz ha cominciato a distribuire promozionale dell'azienda carte. Appena arrivati ​​nel campo di 12 membri della famiglia - da 15-mese-vecchio bambino a 58-year-old donna. Su di loro ha riferito al dottor Mengele, che si stabilì Ovitz separatamente dagli altri prigionieri e liberato dal lavoro. Mengele, in particolare, interessato al fatto che ci sono nella famiglia come nani e gli esseri umani con una crescita normale. Più tardi, la famiglia si è unito Shlomovits famiglia (genitori e sei figli) e ha chiamato i loro parenti (e la propria Ovitz non è stato dato).

La storia dei nani ebrei che sono sopravvissuti gli esperimenti ad Auschwitz

In seguito al volere dei genitori, Ovitz tenuti insieme. Solo uno dei soliti crescita dei fratelli hanno deciso di prendere una possibilità ed è scappato

Mengele, che ha lanciato "Vivarium umano" ad Auschwitz, non aveva alcun rimorso per la tortura, l'abuso e l'uccisione di un gran numero di persone. Non c'è da stupirsi ha ottenuto il suo soprannome - Dr. Morte. Il suo entusiasmo, l'ambizione e la crudeltà lo distinguono anche da altri medici che lavoravano nei campi di sterminio. Uno dei primi compiti della sua carriera è stato quello di far fronte con l'epidemia di tifo nella baracca delle donne. Egli ha risolto questo problema con l'invio di tutte le 498 donne nella camera a gas. Ha inoltre incaricato di uccidere la famiglia di rom, per esplorare i loro bulbi oculari. Tuttavia, per quanto riguarda la famiglia Ovitz avere Mengele aveva altri piani.

La storia dei nani ebrei che sono sopravvissuti gli esperimenti ad Auschwitz

Josef Mengele con un collega presso l'Istituto di Antropologia, genetica umana e li Eugenetica. Kaiser Wilhelm. Fine del 1930

Il giorno successivo dopo il suo arrivo ad Auschwitz piccole persone erano nel laboratorio del medico. Sembrava che l'ospedale più comune - medici in camice bianco, niente di straordinario. Hanno pensato che tutto quello che voleva il personale - prendere da analisi del sangue Ovitz. piccolo prezzo da pagare per ciò che hanno vite salvate. Tuttavia, ripetuti salassi ogni settimana, insieme a radiazione a raggi X. Per le osservazioni di nano Mengele organizzato per il campo un quarto speciale, creato per loro un po 'migliori condizioni sanitarie e alimentari rispetto agli altri prigionieri (dopo aver visto che essi stanno indebolendo dal cibo abituale del campo), e ha permesso loro di rimanere nei loro abiti e radersi. i membri della famiglia più alti ha costretto ad indossare un nano negli esperimenti.

La storia dei nani ebrei che sono sopravvissuti gli esperimenti ad Auschwitz

In generale, nazista sperimentazione umana ha portato alla morte, sfregio e perdita di capacità

Ovitz, come molti altri prigionieri del campo sono stati sottoposti a vari esperimenti. Dipendenti Mengele prenderli in una grande quantità di sangue per le prove sono stati estratti midollo osseo tirato denti peli segni di malattie ereditarie, è stato sottoposto a radiazioni, batteri iniettati versato acqua calda e fredda nelle orecchie e collirio all'occhio, accecandoli al mezzogiorno. Ginecologi rilevati donne coniugate e iniettati nell'utero del liquido bollente della composizione chimica sconosciuta.

prova peggiore è stato sottoposto a 18 mesi Shimshon Ovitz, perché aveva i genitori di altezza normale, e lui è nato prematuro; Mengele ha preso il suo sangue delle vene dietro le orecchie e delle dita. Ovitz ha visto anche i due nuovi arrivati ​​nani sono stati uccisi e saldato per esporre le loro ossa in un museo.

La storia dei nani ebrei che sono sopravvissuti gli esperimenti ad Auschwitz

33-year-old Dr. Josef Mengele ei suoi colleghi ad Auschwitz

Probabilmente, Mengele non sapeva che stavo cercando. Nelle sue carte non vi era alcuna menzione del fatto che voleva trovare un gene nanismo - solo analisi di routine ed i risultati dell'esame dei reni e del fegato. Gli psichiatri lillipuziani addormentato domande per scoprire il livello della loro intelligenza. I medici hanno più volte controllato loro la sifilide. Dora Ovitz, la moglie del più anziano dei fratelli, Abram, Mengele è stato interrogato sulla sua vita sessuale con il marito. Sulla base delle memorie di Ovitz stessi, Mengele si affezionò a loro. Secondo i conti di una delle sorelle, Mengele li ha chiamati con i nomi dei sette nani dal cartone animato Disney. Ironia della sorte, uno dei detenuti di Auschwitz dell'artista Dina Gottlieb rende compreso documentario delinea sette nani, dopo la guerra, sposò il capo animatore "Biancaneve" Art Babbitt.

Ovitz è diventato l'unico sopravvissuto della famiglia di Auschwitz interamente

Quando Mengele è stato trasferito da Auschwitz, la distruzione di massa di persone, e Ovitz quasi rassegnato, come muoiono tutti, ma tutto si è rivelato in modo diverso. Nel gennaio 1945, il campo di concentramento è stato liberato, ed è stato assolutamente incredibile, famiglia Ovitz è sopravvissuta fino ad oggi nella sua interezza. Era una specie di record di - 12 membri di una famiglia, il più giovane dei quali era di 15 mesi e la più vecchia - 58 anni, sopravvissuto ad Auschwitz. Li abbiamo usati per un po 'nel campo profughi sovietica, prima di essere rilasciato.

7 mesi Ovitz a camminare al suo villaggio natale. Trova la tua casa in Rozavle saccheggiato, hanno prima spostato al villaggio di Sighet, poi sono stati in grado di ottenere un visto belga, e si stabilirono ad Anversa. Touring in Europa del dopoguerra non era possibile, e maggio 1949 si trasferì in Israele, si stabilì a Haifa e di nuovo ha iniziato attività concertistica, con il successo e la raccolta di grandi sale. Allo stesso tempo, hanno cambiato il programma: invece di canzoni in lingua straniera ha giocato un un atto gioca nella vita della città. Nel 1955, hanno lasciato la scena e acquistati due cinema e caffè.

La storia dei nani ebrei che sono sopravvissuti gli esperimenti ad Auschwitz

Sarah, Elizabeth e Perla Ovitz a Haifa, Israele

I discendenti di uomini lillipuziani-nati il ​​solito crescita. Il primo morto dei fratelli nel 1972. Il più anziano delle sorelle, Rozikov, è morto nel 1984 all'età di 98, il più giovane, Perla, nel 2001, 80 anni. Hanno anche sepolti tutti insieme in una sezione del cimitero famiglia.

La storia dei nani ebrei che sono sopravvissuti gli esperimenti ad Auschwitz

Tutti i membri della famiglia Ovitz ha vissuto una lunga vita

Sulla storia di una troupe famiglia di nani Ovitz mondo intero appreso attraverso la pubblicazione delle memorie di Auschwitz Perla Ovitz. A proposito di esperienze donna ha detto solo dopo la morte di tutti gli altri membri della famiglia. Poco prima della morte di Pearl, una volta ha detto in un'intervista:

"Siamo stati l'unica famiglia che è venuto fuori del campo di sterminio illeso. Se fossi un normale ebraico 70 metro crescita ragazza, sarei stato mandato alla camera a gas, come centinaia di migliaia di altri ebrei. Pertanto, la questione del perché io sono nato un nano, mi avrebbe detto che, a quanto pare, la mia bruttezza è stato per il più alto unico modo per salvare la mia vita. Nei nostri cuori siamo stati giganti ... "